Il gioco dell’oca

Inviato da il 7-4-2014 in I Vostri Lavori - Prima Edizione | 0 comments

Il gioco dell’oca

FILASTROCCA “IL NOSTRO ORTO” I bambini hanno un orto dove nulla nasce storto. Nel magico orto d’autunno con la zucca raggiungi Saturno. Se sali sulla pianta del fagiolo in cielo arrivi proprio al volo. Guardando carote e catotine t’immagini mille ballerine. E sotto il cavolo del mattino: attento! potresti trovarci un bel bambino! Nell’orto d’inverno cresce la bieta segreto in eterno per fare la dieta. Contento e’ il buon picchio che becca il radicchio. Che belli i finocchi non hanno i pidocchi! E i porri slanciati levati e puliti verranno mangiati e ben digeriti. L’orto in primavera coi ravanelli d’oro racconta una storia vera e presenta il suo tesoro. Gli asparagi dalla sabbia escono quasi con rabbia mentre le castraure stanno al chiuso sicure. Crescono i piselli e sono proprio belli, saltano divertenti dalla padella ai nostri denti. D’estate nell’orto il bambino raccoglie un pomodorino, prende anche una melanzana cresciuta come il naso della befana. Son pronti i colorati peperoni ben maturi e proprio buoni. Gli zucchini birichini hanno lunghi fiorellini, gialli, profumati e dritti deliziosi da mangiare fritti. E sempre ricordate che questo e’ il nostro orto dove nulla nasce...

read more

Il gioco dell’oca di Saltainbocca

Inviato da il 28-4-2014 in I Vostri Lavori - Prima Edizione | 0 comments

Il gioco dell’oca di Saltainbocca

Noi siamo andati in palestra per giocare al gioco Saltainbocca che c’è nella scatola. Abbiamo steso il tabellone su dei materassi e ogni volta che arrivavamo in caselle nuove inventavamo un nuovo gioco e ci alzavamo per metterlo in pratica. Abbiamo inventato: delle attività sportive abbinate alle caselle con i cibi. Queste attività si fanno quando il primo giocatore arriva in una di quelle caselle: ci si alza tutti e si fa sport.  le penitenze da fare in tutte le caselle di penitenza.  un gioco sui pranzi da fare quando si parla di colazione, o pranzo o cena. 1 – Gioco dell’acqua I bambini si mettono in cerchio uno dietro l’altro. Al via la maestra grida ruscello e si saltella in fila indiana, poi al grido torrente ci si accoppia e dandosi la mano si simula un torrente pieno di sassi procedendo su e giù, poi al grido fiume si cammina placidi e lisci e infine con mare ci si stende tutti per terra pancia in su toccandosi con braccia e gambe per formare la distesa del mare. 1 – Gioco dei cereali I bambini si dividono in 3 gruppi: quello del riso, quello del grano e quello del mais. La maestra grida dei piatti fatti con questi cerali e i bambini del gruppo del cereale che si riconoscono nel piatto, devono cercare di mimare quel piatto. Esempi di piatti: “risotto al salto – risotto alla pescatora – arancini di riso”, “spaghetti all’arrabbiata – farfalle – fusilli – panino tartaruga – la treccia”, “polenta – gallette di mais – tortillas – biscotti di granturco”…la maestra mette sempre dei trabocchetti! 1 – Gioco della frutta Si gioca al classico gioco del salto della funicella: due bambini fanno girare la corda e chi salta deve dire nomi di frutta. Abbiamo provato a farlo anche con nomi di verdura quando siamo arrivati in caselle che parlavano di verdura e con i legumi nelle caselle dei legumi. 1 – Gioco dei formaggi Attrezzi: numero di sedie quanti sono i bambini. Si mettono le sedie in cerchio e i bambini stanno tutti seduti. La maestra dice dei nomi di cibi e quando sono formaggi bisogna alzarsi veloci. Quando si sbaglia bisogna girarsi di schiena e si viene eliminati. Vince che non sbaglia mai. Noi abbiamo sbagliato quasi tutti con il nome “puzzone” perché la prima volta non sapevamo che c’era un formaggio così: ma poi lo abbiamo anche assaggiato! I bambini del Trentino non sbaglieranno di sicuro col Puzzone! 1 – Gioco dell’olio Attrezzi: un materassino. Siccome l’olio scivola, noi abbiamo immaginato di “scivolare sul materassino” in tanti modi diversi: rotolando, tuffandoci e con le capriole avanti e indietro. 1 – Gioco dei mattoni Attrezzi: almeno 20 mattonelle di legno di diverse grandezze che si possano impilare. I bambini formano due squadre. Ogni squadra ha a disposizione 10 mattonelle che sono le proteine; queste devono essere impilate una sopra l’altra per formare “un corpo”. I bambini corrono a turno, uno per volta con 1 mattonella in mano e creano la torre. Per rendere più difficile il gioco la torre bisogna costruirla su un materasso. Vince la squadra che finisce prima la torre che stia in piedi per 5 secondi. Se la torre cade bisogna ricostruirla da capo. 2 – Gioco della colazione, del pranzo...

read more

Il magico regno di mago Arcimboldo

Inviato da il 19-5-2014 in I Vostri Lavori - Prima Edizione | 2 comments

Il magico regno di mago Arcimboldo

Mago Arcimboldo fece  un grande  sortilegio e inventò … un  albero di ciliegio. Passandoci sotto per giorni e giorni raccontava di fate e unicorni di balli di canti, di urla gioiose di giornate allegre e per niente noiose. Era  una fiaba davvero speciale con principi e principesse di forme diverse, con mille sapori profumi ed aromi. La principessa Arancia, figlia del sole, profuma, è vera, sembra una sfera. Spremuta, il suo succo è davvero eccellente Disseta, fa bene, ed è nutriente Piccoli principi tutti fratelli stretti e vicini nei loro bacelli si presentano: sono i Piselli. Infine il mago, che era geniale, inventò un incantesimo niente male. “Questa  è la formula segreta per una buona dieta: Per diventare intelligente zuccheri per la mente. A partire dalla colazione, grassi con moderazione. Proteine animali e vegetali ti mettono le ali. Ma soprattutto frutta e verdura a volontà per una vita di...

read more

Il mais (III^ A)

Inviato da il 26-5-2014 in I Vostri Lavori - Prima Edizione | 0 comments

Il mais (III^ A)

PRESENTAZIONE ELABORATI: la nostra scuola, in un’ottica di collaborazione con le realtà associative territoriali e di conoscenza dei prodotti tipici, al fine di promuovere una cittadinanza reale e una sana alimentazione, ha realizzato un percorso di approfondimento che ha avuto come focus il mais e i prodotti da esso derivati. I manufatti realizzati, di cui vi inviamo alcune foto, sono il risultato di un lavoro che ha visto l’apporto di diverse discipline e che ha coinvolto tutte le classi della...

read more

Il mais (IV^ A)

Inviato da il 26-5-2014 in I Vostri Lavori - Prima Edizione | 0 comments

Il mais (IV^ A)

PRESENTAZIONE ELABORATI: la nostra scuola, in un’ottica di collaborazione con le realtà associative territoriali e di conoscenza dei prodotti tipici, al fine di promuovere una cittadinanza reale e una sana alimentazione, ha realizzato un percorso di approfondimento che ha avuto come focus il mais e i prodotti da esso derivati. I manufatti realizzati, di cui vi inviamo alcune foto, sono il risultato di un lavoro che ha visto l’apporto di diverse discipline e che ha coinvolto tutte le classi della...

read more

Il mais (I^ A – II^ A)

Inviato da il 26-5-2014 in I Vostri Lavori - Prima Edizione | 0 comments

Il mais (I^ A – II^ A)

PRESENTAZIONE ELABORATI: la nostra scuola, in un’ottica di collaborazione con le realtà associative territoriali e di conoscenza dei prodotti tipici, al fine di promuovere una cittadinanza reale e una sana alimentazione, ha realizzato un percorso di approfondimento che ha avuto come focus il mais e i prodotti da esso derivati. I manufatti realizzati, di cui vi inviamo alcune foto, sono il risultato di un lavoro che ha visto l’apporto di diverse discipline e che ha coinvolto tutte le classi della...

read more

Il mais (V^ A – V^ B)

Inviato da il 26-5-2014 in I Vostri Lavori - Prima Edizione | 0 comments

Il mais (V^ A – V^ B)

PRESENTAZIONE ELABORATI: la nostra scuola, in un’ottica di collaborazione con le realtà associative territoriali e di conoscenza dei prodotti tipici, al fine di promuovere una cittadinanza reale e una sana alimentazione, ha realizzato un percorso di approfondimento che ha avuto come focus il mais e i prodotti da esso derivati. I manufatti realizzati, di cui vi inviamo alcune foto, sono il risultato di un lavoro che ha visto l’apporto di diverse discipline e che ha coinvolto tutte le classi della...

read more

Il nostro orto

Inviato da il 23-5-2014 in I Vostri Lavori - Prima Edizione | 0 comments

Il nostro orto

IL NOSTRO ORTO Che gioia, a scuola, l’orto abbiamo fatto e con i miei compagni mi son divertito come un matto! Com’è buona la verdura che cresce da noi in pianura! Quanto è amata l’insalata, meglio della panna montata. Buoni buoni i verdi piselli che raccogliamo con i nostri cestelli! Fra un po’ matureranno i rossi pomodorini così dolci e carini che mangiamo anche nei panini. Sopra le rigogliose piantine delle rape ronza, felice, un’ape. Se mangio le tenere foglie degli spinaci, la mamma mi dà tanti baci. Quando mangiamo le buone zucchine ci riempiamo di tante vitamine. I fagioli che crescono nei loro baccelli piacciono a tutti, anche ai bambini monelli. Nel nostro orto cresce anche il melone dolce frutto di colore arancione. La frutta e la verdura sono cibi preziosi, FANNO BENE E SONO...

read more

Il panino

Inviato da il 31-3-2014 in I Vostri Lavori - Prima Edizione | 5 comments

Il panino

Per crescere e stupire un panino devo inghiottire. A merenda con l’acquolina mi avvicino alla cucina. Faccio una sosta fra compiti e lezioni e mi preparo un panino da ghiottoni. Lascio merendine confezionate e mi mangio formaggio e insalate. Nel panino si posson trovare tanti sani cibi da gustare. Panino, pannello, sei davvero buono e bello!!

read more

Il pentagono delle sane merende

Inviato da il 23-5-2014 in I Vostri Lavori - Prima Edizione | 0 comments

Il pentagono delle sane merende

SANE MERENDE La merenda è divertente  se la mangi correttamente. Lunedì gustosi dolcetti e tortine preparati da solerti nonnine, martedì frutta di stagione che accontenta anche il più golosone, mercoledì yogurt ai cereali per una merenda senza eguali, giovedì panino con affettati  per studenti super affamati, venerdì verdura a volontà  la mangiamo con felicità. Non manca l’acqua del rubinetto pulisce e disseta in modo perfetto. Il pentagono delle merende più sana la nostra vita rende: i principi nutritivi sono soddisfatti  e abbiamo rispettato i patti. QUARTA B Una merenda gustosa e sana mangeremo questa settimana. Lunedì dolci e biscotti che le mamme generose han cotti, martedì frutta a pezzettoni per noi gran golosoni, mercoledì grissini grossi e fini divoriamo noi bambini, giovedì panini con affettati: una vera delizia per i nostri palati; venerdì frutta e verdura a noi donata dalla natura; e poi acqua del rubinetto per avere  un corpo perfetto. La settimana è terminata e anche la nostra bella scorpacciata, ma noi ci stiamo divertendo e la prossima stiamo attendendo. QUARTA...

read more

Il piacere di mangiar sano

Inviato da il 30-4-2014 in I Vostri Lavori - Prima Edizione | 0 comments

Il piacere di mangiar sano

La buona alimentazione inizia con la colazione. Il latte è una bontà ne beviamo tanto in grande quantità. Yogurt e cereali sono buoni da mangiare ma anche l’ottima frutta non dobbiamo dimenticare. A pranzo almeno mezz’ora seduti dobbiamo stare e con fritti e alimenti preconfezionati non dobbiamo esagerare. Pollo, patate, spinaci e prosciutto ci sentiamo bene se mangiamo di tutto. Anche di frutta e verdura molta ne possiamo assaggiare e tutti i suoi gusti assaporare, così tanta fibra potremo incorporare e di certo più in salute ci farà campare. Spuntino e merenda non sono da sottovalutare altrimenti senza forze non riusciremo a giocare. Se alle 16,00 mangiamo una banana facciamo merenda sana. Di energia facciamo il pieno con i carboidrati che se non li consumiamo verranno immagazzinati. Se i muscoli vogliamo sviluppare le proteine dobbiamo masticare. Con i lipidi invece piano dobbiamo andare perchè troppi grassi rischiamo di accumulare. Finalmente a cena siamo arrivati e a stare leggeri siamo spronati; mangiamo insieme con mamma e papà e raccontiamo loro le novità: “Oggi per il concorso salta in bocca abbiamo creato una filastrocca e un piatto di spaghetti colorato”....

read more

Il semaforo alimentare

Inviato da il 30-4-2014 in I Vostri Lavori - Prima Edizione | 0 comments

Il semaforo alimentare

In modo corretto dobbiamo mangiare per svilupparci, correre e saltare. Importanti sono i carboidrati che ci danno energia dopo averli mangiati. Indispensabili per noi che si cresce la carne, le uova ed il pesce. Divoriamo frutta e verdura in quantità per non aver bisogno della Sanità. Rinforziamo le ossa con latte e formaggio di Fossa. Assumiamo gli zuccheri a colazione, ma sempre con moderazione. Attenzione ai grassi usati in grande quantità perché ci possono condurre all’obesità. Fondamentale per avere giovamento È però fare tanto...

read more

Impariamo a mangiare…

Inviato da il 27-5-2014 in I Vostri Lavori - Prima Edizione | 0 comments

Impariamo a mangiare…

…e chi ben comincia la giornata avrà energia e buonumore!!!

read more

In Emilia Romagna…

Inviato da il 3-3-2014 in I Vostri Lavori - Prima Edizione | 0 comments

In Emilia Romagna…

FILASTROCCA “IN EMILIA ROMAGNA…” Quando ho fame mangio il pane col salame ma ancor meglio la verdura frutta e ortaggi che goduria. Che bontà quella frittata non ti dico se accompagnata all’insalata. Melanzane, peperoni e pomodori proprio buoni e quanti colori! Tutto è buono qui in Romagna figurarsi passatelli, cappelletti e lasagna!

read more

In giornata una sana mangiata

Inviato da il 19-5-2014 in I Vostri Lavori - Prima Edizione | 1 comment

In giornata una sana mangiata

Anche di notte mi metto a sognare quel che a colazione voglio mangiare: latte, biscotti e marmellata, mi danno la carica per la giornata. Ma se un mattino voglio cambiare tè, caffè o spremuta mi posso gustare. Per la scuola ci vuole grinta e la carica non è una finta: mangio un frutto di stagione e sarò forte come un leone! Mezzodì è già suonato e la mamma ha preparato la passata al pomodoro che è preziosa come l’oro. Sulla pasta è assai golosa e sulla pizza strepitosa. Della carne sono ghiotto: vitello, manzo e pollo cotto mi forniscon proteine come le uova delle galline. A merenda tanti frutti che fanno bene proprio a tutti. Puoi mangiare mela o pera fino a quando viene sera. Pane, burro e marmellata fanno bene alla studiata. A cena è perfetto il minestrone, tante verdure: son tutte buone! E per secondo mi piace il formaggio … sono un bambino proprio saggio! Se mangio il pesce poi, si sa, la mia memoria migliorerà. Il buon cibo non nuoce mai: fai sani pasti e felice sarai. E per quelli un poco svogliati… mangiate bene, sarete...

read more

Indovina chi Saltainbocca?

Inviato da il 1-4-2014 in I Vostri Lavori - Prima Edizione | 0 comments

Indovina chi Saltainbocca?

FILASTROCCA DI SALTAINBOCCA Sono la filastrocca di Saltainbocca sono qui per comunicare che frutta e verdura devi mangiare oltre a liquidi e zuccheri naturali la frutta offre vitamine e minerali. Mele tonde e rosse pere gialle e grosse banane zuccherine e dolci susine kiwi e mandarini per grandi e piccini. Se ti impegnerai a mangiar con cura tutti i tipi di verdura stai certo che il dottore non vedrai per ore ed ore. Ora dimmi, dopo questa filastrocca e’ venuta anche a te l’acquolina in bocca? Inizia allora una nuova avventura assaggia e assapora frutta e verdura cosi’ diventerai amico della...

read more

Infernale fu la pizza!!!

Inviato da il 28-4-2014 in I Vostri Lavori - Prima Edizione | 0 comments

Infernale fu la pizza!!!

Una sera d’agosto di tanto tempo fa, Dante, il famoso poeta italiano si perse in una foresta oscura. Scivolò in un lago e un vortice lo precipitò giù all’Inferno… Lì, tra fuochi e fiamme, Virgilio, vestito di bianco, stava cuocendo pizze favolose e ne offrì una al giovane spaventato vestito di rosso. La pizza era rossa come i pomodori maturi e il sangue del Flegetonte, bianca come la faccia spaventata di Dante e la mozzarella del latte di mucca, marroncina come la terra e i tronchi degli alberi della selva oscura. Dante si fece coraggio e, nonostante il posto in cui si trovava, mangiò la pizza che gli restituì un po’ di energia persa durante lo strano viaggio. Nel frattempo il calore dell’Inferno gli asciugò il vestito. “Acc… Mi è caduto del pomodoro sul vestito!!!” “Meno male che il vestito è rosso!” disse Virgilio e Dante riuscì anche a ridere un po’. Grazie alla forza dei cereali della pasta, alle proteine del formaggio, alle fibre dei pomodori, Dante strinse la mano al poeta del passato e i due volarono come Superman e Spiderman attraverso il vortice e... di nuovo usciron a rivedere le stelle. Dante sbattè le palpebre più volte, coricato su quel verde e fresco prato: non poteva credere ai suoi occhi! In cielo splendeva una grandissima luna rotonda con una facciona che sembrava una pizza e sembrava gli facesse l’occhiolino: vicino a lui Virgilio non c’era più… Lo avrà solo sognato? Che effetto fa una cena pesante sullo stomaco! COSA CI INSEGNA LA STORIA: alla sera, prima di andare a letto non bisogna mangiare...

read more
con il sostegno non condizionante di
Partner tecnico

Login

Password dimenticata?